La dieta di Tom Brady e Gisele Bündchen: folle o efficace?

Se a 43 è stato in grado di vincere il settimo titolo in carriera, forse il merito è anche del suo regime alimentare? Analizziamo la dieta di Tom Brady e Gisele Bündchen per capire se è davvero efficace o è solo una follia.

La dieta di Tom Brady è stata presentata dal giocatore di football professionista nel 2017 nel libro “The TB12 Method”, che spiega nel dettaglio i 12 principi da seguire che gli consentono di raggiungere le sue eccezionali performance sportive.

Quali principi segue la dieta di Tom Brady?

Il regime alimentare dell’atleta che ha fatto trionfare la sua squadra durante l’ultimo Super Bowl, è basato sui principi della dieta alcalina mediterranea e delle diete anti infiammatorie basate su cibi biologici, a chilometro zero e processati solo in minima parte.

Vi diciamo subito che si tratta di un regime alimentare molto duro, quindi non si tratta di una dieta per tutti (o adatta a tutti).

Quanta carne si mangia nella dieta di Tom Brady?

In questa dieta si consuma poca carne, solo il 20% del cibo ingerito.

Si tratta di carni biologiche, senza ormoni e senza antibiotici, proveniente da animali alimentati che si sono nutriti esclusivamente d’erba.

Il restante 80% è composto da frutta biologica, verdure, cereali integrali, frutta secca, semi e legumi.

Quali cibi vengono evitati nella dieta di Tom Brady?

Brady evita tutto un vasto elenco di cibi che sono ritenuti acidificanti o infiammatori.

Tra questi vanno esclusi i latticini, le solanacee (quindi pomodori, melanzane, patate, peperoni e peperoncini)

La frutta si può combinare con altri cibi in questa dieta?

No, non bisogna farlo.

Si possono mangiare proteine e carboidrati insieme?

Nemmeno. Bisogna evitare di mangiare cibi ad alto contenuto di proteine come la carne ed il pesce insieme a riso o patate.

Fino a che ora si può mangiare?

Bisogna evitare di mangiare entro le 3 ore prima di andare a dormire.

Quali cibi mangiare?

  • FRUTTA E VERDURA: Devono essere biologiche, non OGM, a chilometro zero e di stagione. Vanno evitati i frutti e le verdure ritenute acidificanti o infiammatorie.
  • CARNI: Specialmente carni magre, come pollo bistecche, anatra. Anche queste devono essere biologiche, allevate con erbaggi, senza ormoni o antibiotici.
  • PESCE E FRUTTI DI MARE: Devono essere pescati e non di allevamento. I motivi li potete facilmente immaginare se siete arrivati a questo punto del nostro articolo 🙂
  • CEREALI INTEGRALI: Devono essere senza glutine, come riso integrale, quinoa, avena, miglio, grano saraceno e amaranto (un antico cereale simile alla quinoa già in uso tra i Maya).
  • LEGUMI: Fagioli, piselli, lenticchie. E’ esclusa la soia e tutti i prodotti derivati.
  • PRODOTTI TB12: La dieta è completata anche da altri prodotti a marchio TB12 come proteine in polvere, barrette, etc.

Quali cibi evitare?

  • CIBI CHE CONTENGONO GLUTINE: Questo include pane, pasta, cereali per la colazione, prodotti da forno e qualsiasi cibo a base di farina di grano.
  • CAFFEINA: caffè, tè, energy drinks.
  • CIOCCOLATO: Ahimè… anche il cioccolato lo dobbiamo salutare.
  • LATTICINI: latte, formaggi, e yogurt. Vengono sostituiti da prodotti TB12.
  • CEREALI RAFFINATI: Pasta, pane bianco e riso bianco.
  • CIBI NON BIOLOGICI, NON LOCALI E NON STAGIONALI.
  • CARNE DA ALLEVAMENTI INTENSIVI E PESCE DI ALLEVAMENTO.
  • OLI DA CUCINA: Eccetto l’olio di cocco e l’olio d’oliva.
  • SOIA E DERIVATI: edamame, tofu, tempeh, latte di soia, salsa di soia e tutti i prodotti che contengono derivati come la lecitina di soia.
  • CIBI PROCESSATI: caramelle, bevande, salse industriali, cibi con zuccheri aggiunti, dolcificanti artificiali, grassi transgenici, monosodio glutammato.
  • CIBI DA ORGANISMI GENETICAMENTE MODIFICATI.
  • SALE IODATO: Questa non è una dieta per chi deve stare attento al portafogli, perché anche il comune sale iodato viene sostituito dal sale rosa dell’Hymalaya.
  • ALCOOL: Se pensavate di consolarvi con l’alcool vi sbagliate; in questo regime alimentare ogni tipo di alcolico è bandito.

Questo regime alimentare fa perdere peso?

Questa dieta non è stata progettata per perdere peso, ma può essere comunque utile in questo scopo.

  • Prima di tutto perché ha delle regole ferree che prevedono di evitare di mangiare cibi processati e questo in maniera automatica produce una riduzione delle calorie che ingeriamo ogni giorno.
  • Inoltre riduce le tipologie di cibo che vengono consumate insieme, e questo – anche se rende i pasti più noiosi – fa ridurre le calorie ingerite fino al 40%.
  • Poi, il fatto di non poter mangiare cibo entro le 3 ore dal sonno ci impedisce anche di fare quegli spuntini davanti alla tv che sono così dannosi per la nostra dieta.
  • Si tratta poi di una dieta ricca di fibre, per la grande quantità di frutta, verdura, legumi, semi e frutta secca che ci consiglia di mangiare.
  • E’ un regime che prevede di bere moltissima acqua, e questo aumenta il senso di sazietà.

Quali sono i lati negativi di questa dieta?

  • Trattandosi di una dieta particolarmente dura, sarà facile finire per mollarla e riprendere tutti i chili che abbiamo perso… con gli interessi!
  • Non è basata su studi scientifici: per esempio non ci sono prove che le combinazioni di cibi che prevede offrano davvero benefici.
  • E’ molto costosa: non ci sono prove scientifiche che i cibi biologici siano più adatti ad una dieta rispetto a quelli convenzionali.

CONTINUA A LEGGERE
E VEDERE
VIDEO ALLENAMENTI
SU FITNESSINCASA.IT

Potrebbero interessarti anche...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: