Avambracci: Come potenziare in casa questi muscoli delle braccia

Ecco un semplice esercizio da fare in casa per sviluppare il muscolo dell’avambraccio.

Per eseguirlo dovrete costruirvi un attrezzo artigianale che vi consentirá di potenziare gli avambracci con poco sforzo senza andare in palestra.

Dovete procurarvi un bastone di legno (il manico di una vecchia scopa opportunamente segato puó andar bene). Al centro del bastoncino legherete una cordicella della lunghezza di un metro e mezzo circa.

All’estremitá opposta della corda dovrete legare un peso come quelli della palestra, ma potete sostituirlo con qualsiasi altro oggetto dal peso adeguato, circa due chili per inziare possono essere sufficienti. Tuttavia, per capire quale peso utilizzare, dovrete controllare la posizione della vostra schiena: il peso non deve essere troppo elevato, altrimenti la vostra schiena tenderá a piegarsi e l’esercizio non potrá essere svolto in modo corretto.

Stringendo il bastone fra le mani dovete ruotare i polsi alternativamente fino ad avvolgere completamente lo spago ed a sollevare il peso che vi é collegato.

L’esercizio puó essere svolto in piedi o da seduti.

Le serie possono essere 3 da 10 ripetizioni, da svolgere lentamente.

Ma vediamo nel dettaglio che cos’é l’avambraccio. Si definisce con questo termine la parte dell’arto superiore che va dal gomito al polso. In anatomia, questo termine viene spesso utilizzato per distinguerlo invece dal braccio, che é compreso tra il gomito e la spalla.

Il muscolo dell’avambraccio é distinto in due compartimenti. Queste fibre muscolari sono divise da una membrana interossea. Si possono cosí distinguere i muscoli anteriori e quelli posteriori dell’avambraccio. Gli inferiori sono ulteriormente suddivisi in muscoli laterali. Quelli anteriori, sono dislocati su quattro strati posti uno sopra l’altro. Quelli inferiori sono invece su due strati.

I muscoli che prendono il nome di avambraccio sono quindi tantissimi e svolgono molteplici funzioni. Sono tra quelli che regolano il movimento delle dita e la rotazione delle mani.

Potrebbero interessarti anche...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *